happysun980
Sunday 20 April 2014

Ho scelto di andare all’università fuori dalla Sicilia per potere fare nuove esperienze, per stare lontano da casa e avere la mia indipendenza. E questo effettivamente si è realizzato… I primi giorni a lezione, sono abbastanza disorientato: non conosco l’ambiente, come funziona orari e quant’altro… me ne sto un po’ per i fatti miei, in disparte cercando di capirne i meccanismi. La mattina sempre puntuale davanti al cancello dove si accalcano gli universitari, in attesa del custode, perché le aule sono troppo piccole per tutta quella gente e quindi ogni mattina c’è la gara al posto. Nella calca ovviamente la mano morta ci scappa, ed io essendo sempre puntuale e stando davanti, ero sempre attorniato da ragazze, le solite secchione!

Una mattina mentre aspettavo l’apertura del cancello, una tizia davanti a me mi rivolge la parola, mi prende in giro perché ero arrivato un po in ritardo e quella mattina ero indietro… io sorrido, le dico – capita – e continuo a dormicchiare nell’attesa… quando il cancello finalmente si apre e arrivo in aula, questa ragazza mi fa cenni dicendo che mi aveva preso il posto: terza fila, lato destro, davanti alla finestra: il mio posto ideale. Lei si siede nel posto vicino al corridoio io quello dopo.

- piacere Mara -. -Simone- rispondo io, e ci mettiamo a chiacchierare del più e del meno, dello studio, degli appunti in copisteria e quant’altro. Arriva finalmente la prof, e ci mettiamo a seguirla con attenzione. Non avevo mai fatto ragioneria e non volevo perdere un istante di quella lezione. Ad un certo punto, mi sento sfiorare la gamba, guardo, ed era la sua mano che mi aveva sfiorato, lei si scusa; io rispondo che non era nulla e riprendiamo a seguire la lezione…

Dopo un po’ la sua mano si appoggia di nuovo e questa volta la lascio fare, non mi distraggo più di tanto… è una mano leggerissima, unghia lunghe, che mi accarezza la gamba, io provo a seguire la lezione, ma quella mano è irresistibile… il pisello si sveglia e comincia a muoversi sotto i jeans, allora mi sistemo sulla sedia, per permettere al pisello di muoversi liberamente. Lei si rende conto del movimento e gli va incontro.

Allora io un po imbarazzato, metto la mano sul pisello, ma, come se nulla fosse, mi ritrovo dopo qualche attimo la sua mano sulla mia. La guardo come un ebbete, le sorrido e continuo a seguire la lezione. Non prendo più appunti, ormai non c’è verso: sono concentrato sulla sua mano. Quindi tolgo la mia e la lascio giocare.

Sento le sue unghia che grattano il jeans sul pisello, e il mio membro reagisce di conseguenza…

La guardo ancora non mi ero accorto di come fosse fisicamente sta ragazza: ero uno stecco 1,75 magrissima, un piccolo culetto e un seno piatto. Non aveva curve bellissime ovviamente, ma delle mani e delle labbra stupende…

Finita la lezione, finì pure lei di accarezzarmi. Andammo a prendere un caffè alla macchinetta, tutti sorridenti e contenti, poi risalendo le scale passammo davanti ai bagni, lei mi chiese se potessi tenerle la porta e io ovviamente risposi di si.

Entrai quindi nel bagno femminile e mi appoggiai al muretto vicino alla porta del suo bagno. Quando uscirono tutte le ragazze al suo della campanella della ripresa delle lezioni, lei mi abbracciò e mi baciò: le le sue labbra erano morbide come le sue mani!

Mi tirò dentro il bagno e mi fece uno di quei pompini che me lo ricorderò per tutta la vita!

Lo tirò tutto dentro la sua bocca, e riusciva ad attorcigliare la lingua attorno al mio membro senza problemi. Venni dentro la sua bocca e lei non fece una piega. Ingoiò tutto. Poi mi pulì il membro, e ci rimettemmo a pomiciare. Mi lasciò dicendo: – peccato per il pelo…

Da allora sono sempre rasato!

esperienza personale 2002